Toy Story 4

Film 2019 | Animazione, Avventura, Commedia

Regia di John Lasseter, Josh Cooley. Un film con Tom Hanks, Tim Allen, Don Rickles, Annie Potts, Patricia Arquette, Joan Cusack. Cast completo Titolo originale: Toy Story 4. Genere Animazione, Avventura, Commedia - USA, 2019, Uscita cinema giovedì 27 giugno 2019 distribuito da Walt Disney.

Condividi

Aggiungi Toy Story 4 tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dopo la partenza di Andy per il college, Woody, Buzz e compagni hanno trovato una nuova casa.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES N.D.
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO N.D.
Ancora una grande avventura per i simpatici giocattoli protagonisti della saga.
Roberto Manassero
giovedì 3 gennaio 2019
Roberto Manassero
giovedì 3 gennaio 2019

L'arrivo di Forky, una forchetta riadattata a giocattolo, nella cameretta di Bonnie dove vivono Woody, Buzz Lighyear e i loro amici, dà il via a un'avventura che porterà ancora una volta i protagonisti fuori dal loro mondo. Il giocattolo da ritrovare e salvare è la pastorella Bo Peep, vecchia fiamma di Woody. L'attesa è finita: Toy Story 4 è finalmente pronto, uscirà il 21 giugno prossimo negli Stati Uniti e in Inghilterra e la settimana successiva in tutto il mondo.

«Credo che il motivo per cui i film di Toy Story siano così divertenti sono i personaggi. Parte dell'emozione di un episodio sta nel scoprire personaggi nuovi e vedere come interagiscono con i vecchi. È divertente ritrovare quelli che già conosciamo, ma sarà assolutamente eccitante per il pubblico incontrare quelli che abbiamo appositamente creato per questa storia».
Josh Cooley, regista

Dal lontano novembre 2014, quando Walt Disney e Pixar confermarono ufficialmente che il quarto episodio della saga sarebbe stato distribuito nel giugno 2016, continui incidenti di percorso hanno infatti spinto ogni volta in avanti l'uscita. Prima le voci di corridoio che già si susseguivano fin dal 2010, anno di Toy Story 3 - La grande fuga; poi l'annuncio della regia di John Lasseter, su un soggetto firmato da lui stesso, Pete Docter, Andrew Stanton e Lee Unkrich; poi lo slittamento al giugno 2018 per far posto a Cars 3 e infine l'annuncio dell'uscita nell'estate 2019, anche qui per far posto a un film più avanti nella produzione (Gli incredibili 2).

Nel frattempo, il doppiatore di Mr Potato, il comico Don Rickles, è scomparso; Lassetter, travolto dall'accusa di comportamenti poco adeguati coi dipendenti, ha lasciato la regia (affidata a Josh Cooley, già co-sceneggiatore e direttore delle animazioni per Inside Out) e annunciato l'ipotesi di un addio alla Pixar; gli sceneggiatori Rashida Jones e Will McCormack hanno abbandonato il progetto per divergenze con la Disney, sostituiti da Stephany Folsom... Una lavorazione molto travagliata per quello che in molti reputano un'aggiunta non necessaria a una saga in realtà perfettamente conclusa dall'ultimo episodio, con la fine del rapporto fra Woody e l'ormai cresciuto Andy.

Per quanto riguarda l'edizione italiana, il cambiamento più triste riguarderà certamente la voce di Woody, dopo la scomparsa lo scorso marzo di Fabrizio Frizzi: la distribuzione ha chiamato al suo posto Angelo Maggi, storico doppiatore di Tom Hanks che in originale presta la voce a Woody.

Tutto ciò che sappiamo di Toy Story 4, al di là della stringata sinossi resa nota, sono due teaser usciti a fine novembre 2018, dai quali si evincono tre nuovi arrivi: Mr Fork, una forchetta riadattata a giocattolo che urla la sua disperazione per il destino toccatogli (causando un capitombolo di tutti i protagonisti del film sulle note di "Both Sides Now" di Joni Mitchell), e un pulcino e un coniglio di peluche doppiati in originale dal Jordan Peele regista di Scappa - Get Out e da Keegan-Michael Key. Tra le novità annunciate, l'aggiunta al cast di doppiatori di Patricia Arquette e addirittura Keanu Reeves.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
La prima riflessione straziante su cosa ci si lascia indietro diventando grandi.
Overview di Marianna Cappi

Per chi è ragazzino oggi non è facile capire cos'ha significato l'avvento di Toy Story, prima negli Stati Uniti e poi nel resto del mondo, poco più di vent'anni fa. Ma il film di John Lasseter è stato una "prima volta" in tanti sensi: il primo lungometraggio della Pixar, il primo interamente animato al computer (tanto che gli fruttò un Oscar ad hoc), la prima volta da esseri pensanti e emotivi di un gruppo di giocattoli (è vero, per i bambini è una "realtà" quotidiana, ma il cinema d'animazione era rimasto colpevolmente indietro), che poi aprirà la strada a mille rivisitazioni; la prima riflessione straziante su cosa ci si lascia indietro diventando grandi. Lo sceriffo Woody, il ranger spaziale Buzz Lightyear, Mr Potato, Rex e gli altri, grazie al successo del film e dei suoi sequel, non sono più i giocattoli di Andy, non solo: sono i giochi preferiti di tantissimi bambini, di ogni quando e dove, grazie ad un merchandising infuocato, causa ed effetto di una vera e propria Toy Story fever.

E da questo legame di bruciante simpatia e affetto non sono immuni nemmeno i creatori, al contrario: in quanto "genitori" dei giocattoli, i creativi di casa Pixar non smettono di disseminare i loro film di immagini-ricordo dei loro primogeniti, così che li si trova un po' ovunque, negli Incredibili e in Inside Out, in Wall-E e Monsters & Co.

Oggi che l'attesa è già alta per il quarto capitolo di quella che, nel frattempo, è diventata una serie, la memoria corre ai pochi minuti di Tin toy, cortometraggio del 1988, il terzo girato da Lasseter per la neonata Pixar, che fu a sua volta un concentrato di novità e che già conteneva i temi che avrebbero fatto grande l'azienda. Non solo, infatti, il corto introduceva un bambino, e dunque un essere umano (creatura piuttosto estranea al mondo dell'animazione, anche perché di difficilissima realizzazione), ma utilizzava il numero di inquadrature più alto di qualsiasi altra opera realizzata interamente in computer grafica fino ad allora.

Come sempre da quelle parti, l'avanguardia tecnica non procedeva però sganciata da un'esplorazione avanguardistica anche in ambito narrativo: il giocattolo di latta del titolo, che prende vita appena uscito dalla scatola e poi fugge terrorizzato sotto il letto, per paura delle torture che il bambino può infliggergli, è il primo avventuriero di un viaggio che si compirà sette anni dopo con la realizzazione del primo lungometraggio, Toy Story, appunto, che è il frutto diretto di quella prima passeggiata su un nuovo pianeta dell'animazione.

E sette anni sono un tempo ampissimo in questo ambito! Di anno (luce) in anno (luce) si arriva così velocemente al tempo odierno: "Ora, sia dal punto di vista tecnico che artistico, posso dire che non c'è nulla che non si possa fare. E ogni giorno si inventa qualcosa di nuovo.", spiega Lasseter, "Ma al di là dell'aspetto tecnico, posso dire che nella sostanza non è cambiato nulla per quel che riguarda il nostro rapporto con le storie e i personaggi." E ancora: "Non esiste un'animazione, per meravigliosa che sia, che possa salvare una cattiva storia. Non metterò mai in produzione a meno che non funzioni in modo fantastico già nella versione a disegni". Lo storyboarding, ossia il momento in cui il film è ancora sulla carta, prima che i disegni diventino cartoon, è ancora una colonna portante del metodo di lavoro Pixar, oltre che un momento collettivo, in cui tutti, nello Studio, sono chiamati a testare l'efficacia di ogni singola scena o personaggio.

La sceneggiatura di Toy Story 4 sarà firmata da due attori (e autori): Will McCormack e Rashida Jones, a partire da un'idea originali di Lasseter (già autore e regista dei primi due Toy Story), Stanton (Wall-E, Monsters and Co), Docter (Up, Inside Out) e Unkrich (Nemo, Toy Story 3) e verrà codiretta da Lasseter con Josh Cooley. Quel che è certo, perché è stato più volte annunciato dai diretti interessati, è che non si tratterà di un proseguimento delle avventure dei protagonisti della saga, perché il terzo film aveva chiuso quel capitolo narrativo nel migliore (e più emozionante) dei modi. L'idea è invece quella di una commedia romantica, estranea alla trilogia, che esplori l'interesse sentimentale di Woody per Bo Peep. Lasseter dice di essere convinto che il film ci piacerà molto (lui stesso non aveva intenzione di girare un quarto Toy Story ma di fronte ad un soggetto del genere non è stato capace di dire di no) e noi non abbiamo alcuna ragione per dubitarne.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Frasi
Buzz Lightyear è il miglior giocattolo di Andy in assoluto, in confronto a lui io non valgo una mazza!
Una frase di Woody (voce nella versione originale) (Tom Hanks)
dal film Toy Story 4 - a cura di Buzz Lightyear
NEWS
NEWS
mercoledì 14 novembre 2018
 

Woody ha sempre saputo quale fosse il suo posto nel mondo e la sua priorità è sempre stata prendersi cura del suo bambino, che si trattasse di Andy o di Bonnie. Ma l'arrivo di un nuovo riluttante giocattolo di nome Forky? nella cameretta di Bonnie dà [...]

TRAILER
martedì 13 novembre 2018
 

Dopo la partenza di Andy per il college, Woody, Buzz e compagni hanno trovato una nuova casa. Qui, finalmente, scoppierà l'amore tra due protagonisti della saga: il simpatico cowboy e Bo Peep.

TRAILER
lunedì 12 novembre 2018
 

Dopo la partenza di Andy per il college, Woody, Buzz e compagni hanno trovato una nuova casa. Qui, finalmente, scoppierà l'amore tra due protagonisti della saga: il simpatico cowboy e Bo Peep.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
Ralph Breaks the Internet 2018 Hindi Dubbed full movie download HDCAM 480p 300MB | Archivo 253 | Historyczne