Egon Schiele: Death And The Maiden | Gary Ross | Yami Shibai : Japanese Ghost Stories

In Guerra

Film 2018 | Drammatico +13 105 min.

Titolo originaleEn Guerre
Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata105 minuti
Regia diStéphane Brizé
AttoriVincent Lindon, Mélanie Rover, Jacques Borderie, David Rey, Olivier Lemaire Isabelle Rufin, Bruno Bourthol, Sébastien Vamelle, Valérie Lamond, Guillaume Daret, Jean Grosset, Frédéric Lacomare, Anthony Pitalier, Séverine Charrie.
Uscitagiovedì 15 novembre 2018
TagDa vedere 2018
DistribuzioneAcademy Two
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Stéphane Brizé. Un film Da vedere 2018 con Vincent Lindon, Mélanie Rover, Jacques Borderie, David Rey, Olivier Lemaire. Cast completo Titolo originale: En Guerre. Genere Drammatico - Francia, 2018, durata 105 minuti. Uscita cinema giovedì 15 novembre 2018 distribuito da Academy Two. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi In Guerra tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Eric Laurent guida la battaglia di un gruppo di lavoratori determinati a difendere la propria dignità.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una perfetta interazione tra Lindon e interpreti non professionisti al servizio di una sceneggiatura precisa che parla di rispetto dei patti.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 16 maggio 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 16 maggio 2018

La fabbrica Perrin, un'azienda specializzata in apparecchiature automobilistiche dove lavorano 1100 dipendenti che fa parte di un gruppo tedesco, firma un accordo nel quale viene chiesto ai dirigenti e ai lavoratori uno sforzo salariale per salvare l'azienda. Il sacrificio prevede, in cambio, la garanzia dell'occupazione per almeno i successivi 5 anni. Due anni dopo l'azienda annuncia di voler chiudere i battenti. Ma i lavoratori si organizzano, guidati dal portavoce Laurent Amédéo, per difendere il proprio lavoro.

Stéphane Brizé torna, a tre anni di distanza da La legge del mercato, al sodalizio con Vincent Lindon per affrontare nuovamente una tematica che gli sta particolarmente a cuore: quella delle condizioni di lavoro ai giorni nostri.

Ha dalla sua parte la garanzia della perfetta interazione, già sperimentata nel film citato, tra un attore di pregio come Lindon e interpreti non professionisti. La sceneggiatura è estremamente precisa, nulla è stato affidato al caso eppure l'esito finale è di una naturalezza straordinaria.

In questa occasione però la struttura è decisamente diversa: del privato del protagonista sappiamo poco, esattamente quanto basta. Perché al centro c'è Laurent come uomo di punta della protesta ma ci sono soprattutto le dinamiche che intercorrono tra i dipendenti della fabbrica che si vuole chiudere e la proprietà nonché quelle che si sviluppano all'interno del comitato di lotta.

Come afferma il sociologo Luciano Gallino le ideologie non sono finite, come qualcuno vorrebbe pretendere, ce n'è ancora una e dominante: la legge del mercato appunto. La lotta di classe, lungi dall'essere scomparsa, continua e a vincerla è il neoliberismo senza regole grazie a parole d'ordine come 'flessibilità' e 'delocalizzazione'. Dall'altra parte ci sono i Laurent Amédéo di questo 'mondo libero' come lo chiama Ken Loach. Che accettano, come quelli della Perrin, di lavorare per un certo numero di ore senza stipendio per garantirsi un futuro che verrà invece negato sulla base del fatto che un'azienda apre e chiude le proprie sedi quando vuole e anche se il dividendo azionario è del 25%.

Brizé conosce quel mondo in cui gli operai (che si vorrebbero scomparsi) invece esistono ancora ed hanno familiari a cui garantire che il loro lavoro (cioè i cosiddetti mezzi di sostentamento) ci sarà anche un domani. Sta loro accanto e ci impone di seguirli, trattativa dopo trattativa, riunione dopo riunione senza mai trasformare il suo lavoro in docufiction (anche se le riprese dei momenti più caldi potrebbero tranquillamente passare come realizzate dal vero). Li vediamo pretendere una sola cosa: il rispetto dei patti.

Rispetto appunto: un vocabolo che sembra non avere più alcun valore perché le persone diventano 'cose' nei confronti delle quali non si ha più alcun dovere, tantomeno un dovere morale. È una guerra impari quella che Brizé ci mostra, in cui chi ha, dalla sua, la forza del denaro finalizzata al profitto privo di regole si ammanta di una democrazia di facciata mentre sta instaurando una feroce tirannia transnazionale le cui vittime si nascondono nelle case di chi perde il lavoro.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
FOCUS
INCONTRI
giovedì 8 novembre 2018
Paola Casella

È la terza volta che Vincent Lindon fa coppia con il regista Stéphane Brizé per raccontare il mondo di oggi nelle sue contraddizioni e nella sua ferocia. Dopo aver vinto la Palma d'Oro a Cannes per la sua interpretazione del cinquantenne messo a guardia di un supermercato ne La legge del mercato, in In guerra Lindon è un sindacalista che deve cercare di evitare la chiusura di una fabbrica francese ed è pronto a qualsiasi cosa pur di non perdere il lavoro insieme ai suoi colleghi.

"Una perfetta interazione tra Lindon e interpreti non professionisti al servizio di una sceneggiatura precisa che parla di rispetto dei patti".

Ci può spiegare il suo rapporto con Brizé?
Parliamo pochissimo dei personaggi, anche perché non li consideriamo ruoli cinematografici, ma esseri umani. Invece discutiamo animatamente di tutto il resto: la vita, il cinema, le donne, i figli. Quanto alla trama, Stéphane mi fa notare al massimo due o tre dettagli, il resto si sviluppa da solo secondo il nostro comune sentire.

Secondo lei siamo in guerra, come afferma il titolo?
Sì, ma è una guerra moderna, dove non si combatte con le armi e non si uccide fisicamente. Invece si sbattono le persone in mezzo ad una strada e le si priva della possibilità di mantenere la propria famiglia. Cammina e crepa, è il motto contemporaneo. Una rinuncia alla civiltà, l'ingiustizia e l'ipocrisia elevate al quadrato: il che è peggio di una guerra.

Frasi
Signor Borderie, lei si è impegnato a mantenere i nostri posti di lavoro!
Una frase di Laurent Amédéo (Vincent Lindon)
dal film In Guerra - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 12 novembre 2018
Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

Al tempo della recessione globale da crisi economica è l'uomo senza lavoro (e, dunque, senza soldi) l'inquietante immagine della morte e della dignità calpestata. Per difendere i diritti e la fatica quotidiana spesso non resta che un conflitto radicale. Come una guerra. E "In guerra", da giovedì nelle sale per Academy Two, racconta di una battaglia aspra, spasmodica e lacerante che Stéphane Brizé, [...] Vai alla recensione »

NEWS
POSTER
lunedì 22 ottobre 2018
 

La fabbrica Perrin, un'azienda specializzata in apparecchiature automobilistiche dove lavorano 1100 dipendenti che fa parte di un gruppo tedesco, firma un accordo nel quale viene chiesto ai dirigenti e ai lavoratori uno sforzo salariale per salvare l'azienda. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati