Lazzaro Felice

Film 2018 | Drammatico +13 130 min.

Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata130 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diAlice Rohrwacher
AttoriAdriano Tardiolo, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno, Luca Chikovani, Agnese Graziani Sergi López, Natalino Balasso, Nicoletta Braschi, Gala Othero Winter.
Uscitagiovedì 31 maggio 2018
TagDa vedere 2018
Distribuzione01 Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,19 su 40 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Alice Rohrwacher. Un film Da vedere 2018 con Adriano Tardiolo, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno, Luca Chikovani, Agnese Graziani. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2018, durata 130 minuti. Uscita cinema giovedì 31 maggio 2018 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,19 su 40 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Lazzaro Felice tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Lazzaro e Tancredi sono legati da una grande amicizia. Un'amicizia vera e intatta che nel tempo porterà Lazzaro alla ricerca di Tancredi. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, ha ottenuto 3 candidature ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Lazzaro Felice ha incassato 485 mila euro .

Lazzaro Felice è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,19/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,33
PUBBLICO 2,75
CONSIGLIATO SÌ
Un cinema libero, destrutturante, girovago. Un cinema che merita di essere seguito.
Recensione di Paola Casella
lunedì 14 maggio 2018
Recensione di Paola Casella
lunedì 14 maggio 2018

La Marchesa Alfonsina de Luna possiede una piantagione di tabacco e 54 schiavi che la coltivano senza ricevere altro in cambio che la possibilità di sopravvivere sui suoi terreni in catapecchie fatiscenti, senza nemmeno le lampadine perchè a loro deve bastare la luce della luna. In mezzo a quella piccola comunità contadina si muove Lazzaro, un ragazzo che non sa neppure di chi è figlio ma che è comunque grato di stare al mondo, e svolge i suoi inesauribili compiti con la generosità di chi è nato profondamente buono. Ma qual è il posto, e il ruolo, della bontà fra gli uomini?

Come saprà risorgere questo Lazzaro per continuare a testimoniare che il bene esiste, e attraversa le vicende umane senza perdere la propria valenza rivoluzionaria?

Alla sua terza regia Alice Rohrwacher fa intraprendere al suo protagonista, e alla comunità che lo circonda, un cammino che è anche il proprio, all'interno di un cinema che deve molto a Olmi e Zavattini ma continua a spingersi oltre lungo un terreno che frana e si modifica continuamente sotto i suoi (e i nostri) piedi. Non è facile tenerle dietro mentre attraversa un'arcadia senza tempo che è anche un microcosmo di sfruttamento, dove il lupo è assai più giusto e buono dell'essere umano che lo teme. Il suo linguaggio parte da atavico e diventa postmoderno, racconta un vento che soffia senza tregua per spazzare via la protervia del potere e uno sputo nel piatto dell'ingiustizia sociale senza per questo negare che il Bene e il Male percorrono il tempo senza cambiarlo, riproponendosi all'infinito.

La fionda che Tancredi, il figlio della Marchesa, regala a Lazzaro è come la cinepresa per Rohrwacher, ben consapevole della sua pericolosità: Alice si piazza sempre in medias res, fra le foglie di tabacco, dentro ai letti disfatti dei contadini, dietro lo sguardo puro del suo protagonista. Lazzaro è un'occasione come lo è il cinema di Alice Rohrwacher, che è tutto finto, nel senso di reinventato e ricreato, ma conserva radici profondamente reali, italiane prima che universali, rurali piuttosto che bucoliche.

Il suo percorso creativo richiede un'attenzione che il grande pubblico forse non le tributerà, ma non abbiamo dubbi che lei continuerà a camminare sul filo e a cercare, anche a tentoni. Il suo cinema è libero, destrutturante, girovago: e per questo merita di essere seguito, anche quando (o forse proprio perchè), come nel caso di Lazzaro felice, appare non a fuoco e non risolto.

Se il suo film precedente parlava del meraviglioso, Lazzaro felice racconta "la santità dello stare al mondo senza miracoli, senza poteri o superpoteri", esprimendosi in una lingua della quale la stessa Rohrwacher non conosce fino in fondo gli stilemi, ma che cerca di imparare immaginandosela, spingendo anche noi (seppur recalcitranti) a fare altrettanto.

Lazzaro cammina felice - e in qualche modo indenne - in mezzo a inganni grandi e piccoli portando la sua verità senza giudicare nessuno. E crede senza l'obbligo di convincere, crede ancora nella fondamentale bontà dell'uomo, della quale non chiede mai prova perchè ne è lui stesso conferma.

Sei d'accordo con Paola Casella?
VIDEO RECENSIONE
LAZZARO FELICE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €17,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 1 giugno 2018
vanessa zarastro

Nei suoi possedimenti di coltivazione di tabacco de l’Inviolata, una ventina di anni fa la Marchesa de Luna (interpretata da Nicoletta Braschi), teneva una cinquantina di contadini - li chiamava ancora “mezzadri” - in condizione di semi-schiavitù. Lontani dal mondo e dai media, senza alcuna istruzione, ai sequestrati sempre in debito con lei, la Marchesa faceva credere di essere [...] Vai alla recensione »

domenica 14 ottobre 2018
sergio dal maso

“… voglio vivere come i gigli nei campi, come gli uccelli del cielo campare,  voglio vivere come i gigli dei campi, e sopra i gigli dei campi volare.”                                                                [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 giugno 2018
no_data

Un film stupendo, ti dimentichi tutto e sei catapultato in quella realtà di cui, nel mio caso, hai flebili ricordi d'infanzia. C'è il mondo contadino, questo film sarebbe piaciuto a Olmi, ma c'è poi il mondo contemporaneo, raccontato in maniera poetica e neorealista. I personaggi sono tutti ben interpretati, ma su tutti svetta Lazzaro, Adriano Tardiolo, che recita in stato di grazia, novello San Francesco, [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 giugno 2018
francesca meneghetti

Chi va a vedere Lazzaro Felice, è attirato non solo dal riconoscimento di Cannes, ma anche dalla dichiarazione della regista-sceneggiatrice Alice Rohrwacher. E’ un film, dichiara la Rorhrwacher (Alice), che racconta “la santità dello stare al mondo e di non pensare al male di nessuno, ma semplicemente credere negli altri esseri umani”.Di questi tempi, il messaggio appare come una boccata di ossigeno: [...] Vai alla recensione »

sabato 9 giugno 2018
maumauroma

Ma e' proprio sicuro che vivere in totale schiavitu' in una piantagione di tabacco nei primi anni novanta, agli ordini di una marchesa cinica e spietata sia poi cosi peggio che campare di stenti al freddo e al gelo delle citta' inquinate di oggi, nella nostra celebrata democrazia sociale. magari al soldo gramo di qualche capo zingaro?  E Lazzaro?  schiavo degli schiavi nella piantagion [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
francesca meneghetti

Chi va a vedere Lazzaro Felice, è attirato non solo dal riconoscimento di Cannes, ma anche dalla dichiarazione della regista-sceneggiatrice Alice Rohrwacher. E’ un film, dichiara la Rorhrwacher Alice), che racconta “la santità dello stare al mondo e di non pensare al male di nessuno, ma semplicemente credere negli altri esseri umani”.Di questi tempi, il messaggio appare come una boccata di ossigeno: [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 ottobre 2018
Lizzy

Si, lo so cosa potrebbe pensare qualcuno leggendo il titolo: che ci azzeccano gli Olmi con Pasolini...E beh.. il degrado e le miserie umane, le ambientazioni bucoliche, la povera vita dei contadini chiusi in una gabbia medievale, i mezzucci per sopravvivere…No, io non posso gioire per un protagonista evidentemente con gravi problemi psichici e comportamentali.

domenica 24 giugno 2018
loland10

 “Lazzaro felice” (2018) è il terzo lungometraggio della regista di Fiesole Alice Rohrwacher. Dal Festival di Cannes dove è stato premiato per la sceneggiatura originale ad opera della stessa regista. È subito distribuito nelle sale, strano a dirsi, per un mese di giugno dove l'appetito per il grande schermo non è mai una prova di partecipazione.

giovedì 21 giugno 2018
giovanna alati

Certo non è un film facile, ho dovuto leggere la recensione di my movies e molti commenti per apprezzarlo meglio, nel bene e nel male. Certo non sempre Alice padroneggia i vari linguaggi che si intersecano tra loro, ma forse é  una sua scelta. Per esempio trovo illuminante, nel senso proprio del termine il gioco di accendere e spegnere l'unica lampadina della casa, tanto [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 giugno 2018
iconologo

Ma è un dilemma noto, che basti l'immagine e non la parola, tanto i pochi capiscono. Uno storico americano dell’economia (Landes) rimise in circolazione un detto tedesco “L’aria della città rende liberi” per confermare l’idea generale che le città nel passato  hanno creato diritti maggiori rispetto alle gerarchie oligarchiche delle campagne: [...] Vai alla recensione »

martedì 26 giugno 2018
Doctor Cinema

 "Lazzaro felice" è la terza opera cinematografica di Alice Rohrwacher e racconta la storia di un gruppo di contadini costretti a vivere in delle catapecchie fatiscenti adiacenti ad una vecchia villa padronale e obbligati a lavorare la terra per conto di una dispotica contessa, vivendo una vita povera, priva di ogni diritto lavorativo e nella totale incosapevolezza del fatto di [...] Vai alla recensione »

domenica 17 giugno 2018
Elena Brogliatto

Sono andata al cinema certamente fiduciosa nella regia e nella giuria di Cannes. Dal trailer non avevo intuito molto, forse lo avevo guardato frettolosamente...comunque l’ho visto da sola e questo ha sicuramente contribuito ad immergermi completamente in questa scrittura/visione che mi ha rapita confusa e commossa: alla ricerca faticosa di una logica e di un ordine nelle cose, alla fine mi solo [...] Vai alla recensione »

sabato 16 giugno 2018
139PP

Film davvero profondo, magico e poetico. Ma anche ricco di spunti su cui riflettere: se il passato era indubbiamente duro (ed i poveri tremendamente sfruttati), anche il presente non è da meno. Gli ex mezzadri, "liberati" dalla loro schiavitu', a distanza di una ventina d'anni, stanno ben peggio di prima e conducono un'esistenza cinica e randagia.

venerdì 15 giugno 2018
Flyanto

 La regista Alice Rohrwacher ritorna in questi giorni nelle sale cinematografiche con la sua ultima opera “Lazzaro Felice”. Lazzaro è il protagonista della storia ed è un giovane contadino che svolge con dovizia e responsabilità le proprie mansioni nei campi di tabacco insieme agli altri braccianti e contadini del luogo.

domenica 10 giugno 2018
aurash

Il protagonista, al di là della edulcorata nerrazione che ne viene fatta dall'autrice, è un ragazzo presumibilmente affetto da sindrome autistica che, nel contesto della comunità chiusa e quasi-manicomiale in cui vive, subisce insieme ai propri compagni senza mai in alcun modo ribellarsi, ogni forma di angheria psicologica e di sopruso economico.

lunedì 4 giugno 2018
Maurizio.Meres

La bravissima regista Alice Rohrwacher ormai entrata di diritto nella nuova era di registi Italiani validi e di personalità propria,coraggiosi e soprattutto continuativi nella ricerca espressiva cinematografica. Attingere ma soprattutto ricomporre da altri maestri del cinema Italiano,sensazioni, stati d'animo,ambientazioni,cogliere l'attimo espressivo dei personaggi veri reali,è [...] Vai alla recensione »

sabato 2 giugno 2018
LBavassano

 Se "Dogman" mi ha deluso, "Lazzaro felice" accresce i miei dubbi sulla giuria dell'ultimo Festival di Cannes. Se "Le meraviglie" mi aveva piacevolmente sorpreso, per la capacità dell'autrice di rielaborare in forma poetica una materia, credo, a lei ben nota, qui mi pare puntare troppo in alto.

domenica 10 giugno 2018
giacomo ricci

Devo amettere  che  ame Alice Rohrwacker è sempre piaciuta come regista e infatti i suoi primi due film  corpo celeste e le meraviglie mi avevano conquistato. io infatti personalmente quando ho saputo che sarebbe uscito il suo nuovo film e che era stato tra l'altro apprezzatissimo al festival di cannes avevo grandissime aspettative.

venerdì 8 giugno 2018
markwillis

Molta gente si autocompiace del proprio campanilismo tanto per legittimare il sistema e dimostrare a se stessi di esistere. Il risultato è tutto l'opposto. Dei banali complimenti non se ne accorge nessuno. Solo il dibattito e il mettere in discussione portano gli altri a riflettere. Credo che con atteggiamenti simili, postare non porti a nulla di buono.

domenica 3 giugno 2018
aragornvr

 Sarò breve: lento senza intensità, pretenzioso nell'analisi sociale italiana banale e ovvia, noioso, i caratteri superficiali, la "magica" situazione di Lazzaro molto debole come idea portante del film, film radical-chic che lascia poco o niente. Anzi si, delusione, dopo Le Meraviglie.

domenica 3 giugno 2018
8e1/2

Sono andato a vederlo con curiosità, ma devo dire che ne sono uscito basito: questo è un film da premiare a Cannes per la migliore sceneggiatura? E' una sorta di favolta strampalata che non coinvolge mai, anzi annoia e arriva ad un film di pedagogico di una banalità imbarazzante. Una delusione come non mi capitava da anni per un film che invece, ma non riesco a capire bene [...] Vai alla recensione »

domenica 3 giugno 2018
8e1/2

Un brutto film, lento, privo di qualsiasi capacità di coinvolgimento emotivo. Le Meraviglia, che neanche mi aveva convinto, aveva però una certa strampalata "naiveté" che poteva anche incuriosire. Qui diventa tutto didascalico e davvero per nulla interessante. Lo sconsiglio vivamente. Il premio a Cannes sembra davvero più che "generoso" del tutto immotivato. [...] Vai alla recensione »

domenica 24 giugno 2018
Vavyan

Ho visto e rivisto questo film, cosí ho avuto modo di vederlo nei minimi particolari e sentirlo con il cuore. Mi ha toccato tanto. Mi piaciuto pure come in una favola riesce puntare il dito sui problemi sociali odierni e presentare l'indiferenza e la crudelta umana (vedi ultime scene). ( Scusate per il mio italiano, ma sono ungherese.) Vorrei fare una domanda, se qualcuno sapesse di dove [...] Vai alla recensione »

sabato 16 giugno 2018
markwillis

Il concetto senza dubbio interessante ma, non credo sia così traumatico per qualcuno limitarsi a buttar giù quattro ideuzze, come a suo tempo faceva il grande Tonino Guerra su un pezzo di carta o su qualche ritaglio di giornale e lasciare che sul set ci stia altra gente. In breve, un film è una questione di stile e di sintassi scenica.

domenica 3 giugno 2018
aragornvr

Sarò breve: lento senza intensità, pretenzioso nell'analisi sociale italiana banale e ovvia, noioso, i caratteri superficiali, la "magica" situazione di Lazzaro molto debole come idea portante del film, film radical-chic che lascia poco o niente. Anzi si, delusione, dopo Le Meraviglie.

domenica 29 luglio 2018
Emanuele 1968

Personalmente un ottimo lavoro, spunti tratti fa fatti simili realmente accadudi, ottimo nei cineforum con dibattito al seguito, qualche eccesso, voto 4,5

martedì 19 giugno 2018
michelino

    Voglio bene a questa regista ma oggi sono deluso   Lazzaro Felice è un passo indietro rispetto al suo  precedente film...peccato!   Regia e sceneggiatura somigliano al personaggio di Lazzaro; sono ingenue esattamente come lui.   Qui il cliché la fa da padrone, per clichè intendo un certo modo (romantico [...] Vai alla recensione »

domenica 17 giugno 2018
garfy

La prima cosa che viene in mente vedendo questo noiosissimo film è il cinema di Ermanno Olmi, in particolare Centochiodi. Quest'ultimo, benché fra i meno riusciti del regista, è comunque cinema d’autore che ci insegna sempre qualcosa con un punto di vista unico e originale.Lazzaro Felice sta a Centochiodi come uno scarabocchio sta alla Gioconda.

FOCUS
FOCUS
domenica 3 giugno 2018
Roy Menarini

Non sarà Lazzaro felice (guarda la video recensione) a ricomporre la faglia che permane tra grande pubblico e cinema d'autore, o tra sostenitori del nuovo realismo e critici che vorrebbero film più attenti al gusto degli spettatori. Nulla di male, Alice Rohrwacher difende orgogliosamente il proprio linguaggio, e non rimane certo inascoltata, visti i premi che continua a mietere e la recente Palma per la miglior sceneggiatura ottenuta a Cannes 2018.
Certo, rimane qualche perplessità di fronte a scelte così divaganti e talvolta a rischio di pamphlet contro la contemporaneità, da cui pare essere attraversato Lazzaro felice, ma poi le intuizioni che spiazzano ogni volta mettono al riparo l'opera dalle cadute più vistose, anche grazie a un uso molto sapiente dell'ironia e talvolta del comico.

Lazzaro è senza dubbio un puro, uno dei personaggi ingenui e inclassificabili del cinema italiano.

Nella nostra storia, il puro è stato spesso messo in scena, per esempio da Pier Paolo Pasolini, che li cercava nel sotto proletariato o che rovesciava figure sacre (come il Cristo di Il Vangelo secondo Matteo) per riportarne la figura dentro i confini della cultura folclorica ed etnica. Diverso il caso del ragazzo ingenuo e a contatto con le culture contadine, caro certamente a Ermanno Olmi (cui Lazzaro felice è stato spesso avvicinato, forse non sempre per buone ragioni) e di più al primo Pupi Avati, che ci sembra più pertinente come orizzonte almeno nella parte iniziale del lavoro di Alice Rohrwacher.
Il puro, però, nel cinema italiano (pensiamo anche al Francesco giullare di Dio di Rossellini) è stato un mezzo per raggiungere due risultati contrapposti: avvicinare alla comprensione popolare un sentimento religioso, magari vago e misterioso, ma portatore di sensibilità ed empatia. Oppure per far saltare la gabbia ideologica della classe borghese, e qui torniamo a Pasolini (Teorema) o, per rimanere in area, a Sergio Citti, che pare davvero l'influenza più forte della seconda parte, quella urbana, di Lazzaro felice.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 1 giugno 2018
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Che la santità sia cosa non solo di tutti i giorni, ma ordinaria, persino anonima, comunque marginalizzata e fraintesa, se non vilipesa, lo sostiene Alice Rohrwacher, premiata al 71° Festival di Cannes da poco concluso per la sceneggiatura (ex aequo con Three Faces di Jafar Panahi) di Lazzaro felice. Già miracolato, e risorto, del Vangelo di Giovanni, qui Lazzaro (Adriano Tardiolo, perfetto) è innocuo [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Premiato per la miglior sceneggiatura all'ultimo Festival di Cannes il terzo film di Alice Rohrwacher sembra dapprima una quieta rievocazione di un mondo contadino, però con qualche indizio di stranezza, che non si sa bene come identificare. Dove ci troviamo, e quando? Chi sono veramente questi personaggi? Un colpo di scena, a metà, trasforma la storia in qualcosa di diverso, una bizzarra fantascienza [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
Cristina Piccino
Il Manifesto

Lazzaro è nelle diciture antiche il malato, si chiamavano così i lebbrosi, e per traslazione i poveri, i disgraziati, ma è anche il rivoluzionario, perciò l'indisciplinato e persino il mascalzone. Soprattutto - almeno nella nostra cultura - è il Lazzaro che il miracolo di Cristo restituisce al mondo dalla morte. Resurrezione: ritorno alla vita, risveglio dopo un lungo sonno.

giovedì 31 maggio 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

A Cannes Lazzaro felice si è aggiudicato il premio per la sceneggiatura suscitando il dovuto interesse, ma a nostro avviso meritava di più. Con l'opera terza Alice Rohrwacher alza l'asta delle ambizioni e dimostra una maturità di regia che le permette di tenere saldamente in mano il gioco della sua poetica allegoria. Gioco complesso, senza dubbio. Su un brechtiano schema di denuncia di una società [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 giugno 2018
Lee Marshall
Condé Nast Traveller

Il nuovo film della sempre più matura e sorprendente Alice Rohrwacher è stato presentato a Cannes a una settimana dalla scomparsa di Ermanno Olmi, non citato ma presente grazie a un comune discorso sullo sfruttamento che permette un'immagine borghese dell'Italia rurale, percorso da una brezza di realismo magico. Una comunità di contadini lavora nella sperduta tenuta dell'Inviolata, per una contessa [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Tra Zavattini e i Vangeli, girato rifiutando il digitale (in 16mm.) con gusto sensoriale per una dialettica spazio/personaggio che ricorda Pasolini e Bertolucci, si sviluppa la parabola di Lazzaro, contadino 20enne forgiato dall'idea (Palma d'oro alla sceneggiatura) che la bontà vera, inconsapevole, è un fiore nel deserto nel nostro moderno medioevo.

giovedì 31 maggio 2018
Francesco Alò
Il Messaggero

Tra la fiaba e la realtà esiste il mondo di Alice Rohrwacher, arrivata con Lazzaro felice alla sua terza regia dopo il folgorante esordio Corpo celeste (2011) seguito da Le meraviglie (2014). Vincitore di Miglior Sceneggiatura a Cannes, il film è un fantasy neorealista in cui il contadino Lazzaro (l'esordiente Tardiolo) viaggia nel tempo e nello spazio per svelare un mistero, o forse un inganno come [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

Ottemperato il compito di segnalarlo a uno spettatore consapevole, soprattutto se adepto delle ideologie della decrescita, «Lazzaro felice» non può usufruire di bonus artistici solo perché mena un fendente alla società dei consumi e ai suoi virus repressivi. Sul filo di un tono magico e stralunato e un ecologismo basico modello «ragazzo della via Gluck», infatti, il film della Rohrwacher si serve della [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Ha incredibilmente vinto a Cannes il premio per la sceneggiatura la barbosissima favola di Alice Rohrwacher. È la storia del giovane contadino Lazzaro, convinto dal coetaneo marchesino Tancredi a inscenare il suo stesso rapimento. Difficile capire quel succede nelle due, micidiali, ore successive, anche per i temerari che riusciranno a restare svegli.

NEWS
NEWS
giovedì 18 ottobre 2018
 

La Marchesa Alfonsina de Luna possiede una piantagione di tabacco e 54 schiavi che la coltivano senza ricevere altro in cambio che la possibilità di sopravvivere sui suoi terreni in catapecchie fatiscenti, senza nemmeno le lampadine perchè a loro deve [...]

NEWS
lunedì 4 giugno 2018
Francesca Ferri

"Chi va a vedere Lazzaro felice, è attirato non solo dal riconoscimento di Cannes, ma anche dalla dichiarazione della regista-sceneggiatrice Alice Rohrwacher. È un film, dichiara la Rorhrwacher, che racconta "la santità dello stare al mondo e di non [...]

NEWS
mercoledì 30 maggio 2018
Francesca Ferri

Oltre la favola, una storia vera di soprusi, ingiustizie e tirannia. Lazzaro Felice di Alice Rohrwacher, premiato al Festival di Cannes con la Palma d'oro per la Miglior Sceneggiatura, viaggia indietro nel tempo, sfogliando le pagine della storia, per [...]

NEWS
mercoledì 30 maggio 2018
Francesca Ferri

Maggio si conclude con l'attesissimo Lazzaro felice (guarda la video recensione) e giugno si apre con il ritorno del classico 2001: Odissea nello spazio. Se volete scoprire il film che ha vinto la Palma d'oro per la miglior sceneggiatura al Festival [...]

VIDEO RECENSIONE
lunedì 28 maggio 2018
A cura della redazione

La Marchesa Alfonsina de Luna possiede una piantagione di tabacco e 54 schiavi che sopravvivono sui suoi terreni in catapecchie fatiscenti. In quella comunità si muove Lazzaro, un ragazzo profondamente buono che non sa neppure di chi è figlio ma è comunque [...]

NEWS
mercoledì 23 maggio 2018
Francesca Ferri

Continua la Guerra Fredda tra Netflix e il festival di Cannes per chi deve avere l'ultima parola. "Tutti i film della competizione devono essere aperti alla distribuzione in sala", il delegato generale del festival di Cannes, Thierry Frémaux, sembrava [...]

GALLERY
lunedì 14 maggio 2018
 

Alice Rohrwacher è tornata al Festival di Cannes a quattro anni da Le meraviglie. Il suo film Lazzaro felice ha ricevuto molti applausi facendo commuovere tutti i giovani protagonisti, presenti per la prima volta alla kermesse.

winner
miglior scenegg.ra
Festival di Cannes
2018
Con Adriano Tardiolo nella parte di Lazzaro
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
Baixar toque para celular | डाउनलोड XAPK | Computer Studies - 15439 Words