Hinterland | Tập 7 Sengoku Night Blood | Casual (1)

Van Gogh - At Eternity's Gate

Film 2018 | Biografico 110 min.

Titolo originaleAt Eternity's Gate
Anno2018
GenereBiografico
ProduzioneUSA
Durata110 minuti
Regia diJulian Schnabel
AttoriWillem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mads Mikkelsen, Mathieu Amalric Emmanuelle Seigner, Niels Arestrup, Alan Aubert, Amira Casar, Lolita Chammah.
Uscitagiovedì 3 gennaio 2019
DistribuzioneLucky Red
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Julian Schnabel. Un film con Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mads Mikkelsen, Mathieu Amalric. Cast completo Titolo originale: At Eternity's Gate. Genere Biografico - USA, 2018, durata 110 minuti. Uscita cinema giovedì 3 gennaio 2019 distribuito da Lucky Red. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Van Gogh - At Eternity's Gate tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

I tormenti interiori del pittore Vincent Van Gogh. Il film è stato premiato al Festival di Venezia,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Van Gogh secondo Schnabel, il ritratto umano di un'anima errante e della sua ricerca di un posto nella società.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 3 settembre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 3 settembre 2018

È di sole che ha bisogno la salute e l'arte di Vincent van Gogh, insofferente a Parigi e ai suoi grigi. Confortato dall'affetto e sostenuto dai fondi del fratello Theo, Vincent si trasferisce ad Arles, nel sud della Francia e a contatto con la forza misteriosa della natura. Ma la permanenza è turbata dalle nevrosi incalzanti e dall'ostilità dei locali, che biasimano la sua arte e la sua passione febbrile. Bandito dalla 'casa gialla' e ricoverato in un ospedale psichiatrico, lo confortano le lettere di Gauguin e le visite del fratello. A colpi di pennellate corte e nervose, arriverà bruscamente alla fine dei suoi giorni.

Pittore celebre negli anni Ottanta, Julian Schnabel si converte al cinema negli anni Novanta e realizza il suo primo film su un soggetto seducente ma cimentoso (Basquiat), evitando i rischi maggiori (agiografia melensa e glamour smaccato) e procedendo per tocchi fugaci.

Un film su un pittore è raramente realizzato da un pittore ma Schnabel ne gira addirittura due. Ventidue anni dopo trasloca in Francia per raccontare il bisogno permanente di Van Gogh di dipingere. Come fu per Basquiat, l'autore americano non cerca di penetrare l'enigma della creazione, che appare un'acquisizione indiscutibile (anche) nel personaggio di van Gogh. Ad appassionare Schnabel è quello che rivela la relazione tra il pittore olandese e Paul Gauguin, tra l'artista dei girasoli bruni e il suo tempo.

Trasportato come van Gogh dalla luce della Provenza, Schnabel coglie quel passaggio folgorante di cui non resta niente ad Arles, alcun quadro, alcun edificio a parte un modesto impasse intitolato a suo nome. Tutta la storia di van Gogh, come quella di Gauguin, è segnata dal destino, marcata dall'insuccesso, l'incomprensione e alla fine l'isolamento. Dei campi di grano, del fogliame d'autunno, dei cipressi monumentali, dei giardini selvatici, dei fiori floridi, dei fondali gialli, dell'arancio ardente dei crepuscoli, del colore rovesciato sulla tela come magma incandescente, i suoi contemporanei non sapevano che farsene. Alieno al mondo che lo circondava, l'artista esprimeva un malessere profondo, una disperazione totale e una lucidità intensa, che lo rendeva sovente odioso agli altri.

Il volto lungo di Willem Dafoe, che lo incarna, non rivela alcun recesso in cui potremmo infilarci per meglio comprenderlo, la sua performance in economia, la sua maniera scostante, gli sguardi scollati, la tensione nervosa dimostrano che il pittore non era né folle né malato. Al contrario Schnabel rappresenta con dolorosa acuità la sua situazione di uomo economicamente dipendente dal fratello.

Intingendo in una palette a immagine della sua anima tormentata, l'attore insegue la ricerca di van Gogh di un posto nella società, il suo desiderio di essere riconosciuto. Quello che interessa al regista è rendere conto del mondo nel quale viveva van Gogh, dove l'impressionismo era l'arte dominante, perché è in quel mondo che ritroviamo le convenzioni sociali che lo rigettano.

Anima errante nel bagliore dei colori e nell'oro dei campi, van Gogh non poteva dimorare, non poteva seguire una norma di comportamento o creare una famiglia come il fratello Theo. Nel suo stile paranoico e tempestoso, Antonin Artaud scriveva che era stata la società a uccidere Van Gogh. Senza affermare le cose in maniera così tranchant, Schnabel incarna tuttavia i colpevoli rovesciando la tesi del suicidio e interpretando in maniera troppo didascalica la sua (misteriosa) morte. Ma più verosimilmente è la lucidità che ritorna a ucciderlo come un proiettile e come confessa al dottor Gachet di Mathieu Amalric.

Schnabel manca forse l'appuntamento con Vincent van Gogh ma afferra l'idea che un artista è in parte determinato dai luoghi e dagli usi del suo tempo, mortale, irrimediabilmente mortale. Vincent van Gogh non era un essere sacro, il suo genio non era un mistero divino, la sua arte nasce dal dubbio, il dolore e il sudore, dentro l'impossibile previsione del futuro. Alle torsioni delle sue tele, il regista risponde con gli strumenti del cinema provando a suo modo a governare il caos.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 3 settembre 2018
ROBERT EROICA

#Venezia75 - AT ETERNITY ' S GATE - Concorso - Cosa dire al cinema di Vincet Van Gogh dopo "Brama di vivere" ? Schnabel prende le lettere e i diari dell'artista e costruisce un bignamino in cui alla voce precauzioni per l'uso si legge: assumere con cautela. Il pittore come essere messianico e' svolto con la diligenza di uno studente quattordicenne. E la mimetica di Defoe, lungi dall'essere convincente, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 settembre 2018
Peer Gynt

Il film biografico solitamente non usa la soggettiva: illustra una vicenda che pretende di essere più storica possibile, avvicina il biografato dall'esterno. Invece nel suo film il regista-pittore Julian Schnabel, pur raccontando alcune vicende degli ultimi anni di vita di Van Gogh, cerca di accostarsi al pittore olandese da dentro, partendo dal suo stesso punto di vista, usando quindi molto [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
martedì 4 settembre 2018
 

L'animo tormentato del pittore Van Gogh è stato il protagonista della giornata di ieri al Lido. Willem Dafoe si è distinto con una grande performance in Van Gogh - At eternity's Gate di Julian Schnabel.

winner
coppa volpi migliore int. maschile
Festival di Venezia
2018
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati