Valhalla Rising

Film 2009 | Azione +16 90 min.

Regia di Nicolas Winding Refn. Un film con Mads Mikkelsen, Gary Lewis, Jamie Sives, Alexander Morton, Ewan Stewart, Callum Mitchell. Cast completo Genere Azione - Danimarca, Gran Bretagna, 2009, durata 90 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,34 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Valhalla Rising tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La fuga del grande guerriero One-Eye da una tribù di vichinghi assieme al giovane Are, lo porterà in una terra sconosciuta dove potrà scoprire se stesso.

Valhalla Rising è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,34/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,67
CONSIGLIATO NÌ
Quando la mitologia vichinga diviene mitizzazione della violenza fine a se stessa.
Recensione di Edoardo Becattini
domenica 6 settembre 2009
Recensione di Edoardo Becattini
domenica 6 settembre 2009

In un tempo mitologico sconosciuto, c'era una volta uno schiavo di incredibile forza guerresca. Con l'aiuto di un giovane ragazzo, un giorno riuscì a liberarsi e riversò la sua furia sugli uomini che lo avevano tenuto prigioniero per anni torturandoli e uccidendoli. Attraverso le valli della Scozia, questo guerriero orbo e muto ma dalla potenza sovrumana si imbarcò su un vascello di nobili vichinghi per intraprendere una crociata in Scandinavia, ma, passando attraverso una bruma inquietante e ripetuti attacchi da una forza sconosciuta, comprese presto di essersi addentrato in una terra oltre i confini della natura e che il suo fato era già stato scritto dagli dei.
L'immaginario della mitologia norrena è ricco di suggestioni legate alla natura selvaggia, intesa sia come paesaggi incontaminati che come brutalità primordiale dell'uomo. Proprio a partire da queste stesse due componenti cerca di costruire la fascinazione del suo film il danese Nicolas Winding Refn, proseguendo un percorso di estetizzazione della violenza iniziato con la trilogia di Pusher.
Tutelato da illustri precedenti assai simili nella logica e nello stile (Apocalypto di Mel Gibson; 300 di Zack Snyder), il regista di Copenhagen filma nello stesso modo tanto i grandiosi paesaggi scozzesi quanto la violenza perpetrata contro i corpi squartati dal silenzioso guerriero protagonista. Non conta la distanza: che sia in campo lungo come la verde vallata immersa nella bruma o in primissimo piano come i volti e le ferite dei personaggi, ogni inquadratura è costruita per suscitare contemplazione, per rispettare non tanto un principio di mitopoiesi quanto una riconoscibile rappresentazione del furore cosmico.
La continua esibizione di primi piani obliqui, viraggi al rosso, sotto o sovraesposizioni pare essere l'unico modo che il regista conosce per tematizzare una storia che parla della brutalità della natura umana in termini di religione e sacrificio. E che, anche a voler mettere da parte i naturali dubbi etici, è davvero troppo poco per un film che ambirebbe ad essere un personale Ashes of Time di terra scandinava e che invece rappresenta solo l'ennesimo capitolo di un'"invasione barbarica" di certo cinema contemporaneo che mitizza la violenza.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
VALHALLA RISING
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 19 luglio 2010
Kronos

L'immaginario estetico e simbolico di 'Valhalla Rising' sembra provenire direttamente da Tarkovskij (in particolare 'Stalker') oltre che da Lars Von Trier e Herzog ('Aguirre furore di Dio'). E nonostante una buona dose d'effettacci visivi kitsch, non v'è dubbio che l'impatto visivo del film sia straordinario. Merito della fotografia, certo, ma forse ancor più del magnifico lavoro fatto sulle locations [...] Vai alla recensione »

domenica 27 luglio 2014
Carnauser

Non mi stupisco che alcuni non abbiano colto la natura profonda di questo film. Natura che è difficile cogliere quando la prima impressione che si ha è il rifiuto di una violenza che la nostra società impregnata di buoni valori, spesso solo di facciata, non comprende e allontana. Sentimento diffuso, che porta spesso a fare film che di storico non hanno nulla, ma sono solo il ritratto in costume [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 marzo 2012
Sinkro

Tanto belle le location e la fotografia (lo dicono tutti i commenti) tanto pallosa e sterile è la visione del film. Non c'è una trama che invogli le palpebre a stare sollevate e non c'è un dialogo o una situazione che stimoli il cervello a restare vigile. Nel senso: non che la storia sia scontata; proprio non c'è niente! Un muto guerriero scappa uccidendo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 ottobre 2014
Noia1

Un guerriero si libera dalla propria schiavitù iniziando un viaggio senza ritorno. Un film contro, tra Tarantino, Guy Pearce e i tanti altri nuovi arrivati, tra le varie formule sempre più innovative di presentare sceneggiature al limite del grottesco e sempre più brillanti, arriva Refn con quest’ allucinata sovrapposizioni d’immagini emblematiche.

lunedì 23 maggio 2016
khaleb83

Valhalla Rising è un film assolutamente difficile non solo da comprendere, ma proprio da seguire; io stesso ne sono rimasto deluso a una prima visione. Ho dovuto attendere del tempo per incamerarlo, farlo decantare e poi rivederlo, facendomene un'opinione assolutamente migliore. Non stupisce quindi che molti non l'abbiano compreso, scambiandolo per una vuota esaltazione della violenza. Il [...] Vai alla recensione »

martedì 19 aprile 2016
biso 93

Valhalla rising e' un film del 2009 diretto dal regista cult Nicolas Winding Refn. Personalmente rispetto molto questo regista, bravissimo con la macchina da presa, capace di esaltare alla perfezione cio' che ci vuole trasmettere; peccato pero' che a volte si perde un po nei suoi simbolismi e nelle sue immagini come nel caso di Only God Forgives.

lunedì 16 giugno 2014
pessimoelemento

Di questo sopravvalutato regista avevo visto solo un film, appartenente alla trilogia The Pusher, che mi era piaciuto, anche se non ci avevo visto nulla di speciale. Non  so perchè ma mi aspettavo molto da Valhalla Rising, forse perchè l'argomento mi interessava, un film ambientato in un periodo storico affascinante, incentrato su un popolo guerriero, i vichinghi.

giovedì 5 luglio 2012
Carlo Vecchiarelli

Qualcuno ricorderà l'esilerante spezzone iniziale di Bleeder, in cui Mads Mikkelsen, vero e proprio attore feticcio del regista, cercava di elencare tutti i grandi registi presenti nella videoteca di cui era commesso... caso vuole che nell'elenco gli sfugga Tarkovskij ed è l'interlocutore a richiamarlo alla memoria, domandando a proposito del grande regista russo.

sabato 25 febbraio 2017
Jordan

Dopo le prime scene di lotta, ho dovuto lottare io per rimanere sveglio e continuare a vedere il film. 

lunedì 2 agosto 2010
manu101

Personalmente lo trovo un bel film. superiore a 300 perchè privo di retorica e più realistico nei combattimenti. I paesaggi sono stupendi e la trama è interessante soprattutto se si considera la similitudine tra il guerriero One Eye e il dio Odino che in mitologia viene rappresentato con un occhio solo. Le chiavi di lettura in questo senso sono molteplici soprattutto considerato [...] Vai alla recensione »

sabato 1 ottobre 2011
surf casting

quando un film esce un minimo dagli schemi appare subito incomprensibile. questo è un gran film, fotografia superba, teatralità quasi shakespeariana sorretta da un ottima regia, profondità tematica ben sottolineata dal commento musicale che rimanda ad ancestrali saghe nordiche. un film che in epoche culturalmente più propizie ( anni 70 / 80 ) sarebbe stato osannato a capolavoro, [...] Vai alla recensione »

domenica 9 ottobre 2011
Oblivion7is

Era da tanto tempo che non vedevo un film che mi lasciasse dentro così poco e così tanto allo stesso tempo. Più o meno come "2001: Odissea nello Spazio", qui ci ritroviamo a vedere cose misteriose, oscure e affascinanti che accadono abbastanza lentamente, cose che noi vediamo succedere e capiamo il come ma non il perché ed il "cosa significa", e a quel [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 febbraio 2012
UltimoInquisitore

Nicolas Winding Refn, autore di Bronson, ci porta nel Nord Europa in un tempo imprecisato (probabilmente tardo Medioevo). Le immagini sono stupende e bisognerebbe godersele al cinema! I paesaggi dominano la scena, la fotografia è eccezionale, ma manca una sceneggiatura decente. Il colpo di scena finale è accettabile, ma sarebbe meglio coinvolgere lo spettatore non soltanto con il potere [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 dicembre 2011
Lore64

Solenne e inguardabile troiaio, vuoto quanto pretenzioso. Un vero gioiellino di cinematografia trendy ovvero à la page, ditelo come volete. Gli riconosco due attenuanti: una bella fotografia ed una certa carica di originalità. Per il resto è un perfetto esempio di come si possa fare una film che, non dicendo assolutamente nulla, grazie anche a qualche superficiale simbolismo disseminato [...] Vai alla recensione »

domenica 21 luglio 2013
Maggiordomo

Non inizio nemmeno a disquisire sui dettagli tecnici riguardanti questo film. O sui precedenti prodotti di Refn. Valhalla Rising è un prodotto secco e inutile, a cui l'abilità nell'uso della macchina non aggiunge nulla. Vuoto nella trama e nell'interpretazione dei personaggi, assolutamente privo di narrazione e dunque aperto a tutte le fantasiose interpretazioni di quei critici che si ostinano a fare [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 giugno 2013
iCardi22

Non è il primo film che ho visto di Refn, ma l'ho guardato semplicemente perchè adoro il suo modo di fare cinema. Questo film non mi ha deluso, mi ha tenuto ipnotizzato allo schermo per tutto il tempo, e conferma le caratteristiche di Nicolas: Trama e dialoghi ridotti, violenza curata al dettaglio e ottima colonna sonora. La fine mi ha lasciato un perplesso, paragonabile a quella [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 settembre 2012
RiccardoAndreas

Un formidabile guerriero senza nome, senza un occhio e muto, un ragazzo senza famiglia ed un manipolo di crociati. Il geuerriero massacra tutti quelli che gli viene detto di uccidere e anche con estrema facilità finchè decide di scappare uccidendo il suo carceriere e la sua tribù, salva soltanto il ragazzino che lo ha sempre nutrito e se lo porta con se nel suo errare [...] Vai alla recensione »

martedì 14 luglio 2015
giuseppetoro

Film strano..difficile da seguire senza effetti..negativo!!

venerdì 30 settembre 2011
surf casting

un gran bel film, vero cinema che negli anni 70/ 80 sarebbe divenuto mito, mentre per le menti semplici di oggi risulta incomprrensibile. non è che i  Kubrick non nascono più, è che non sono compresi ! certo quando si critica T. Malick....

giovedì 20 settembre 2012
paride86

Certamente "Valhalla Rising" possiede scenografie naturali, fotografia e atmosfere stupende ed inquietanti, tuttavia si tratta di un film che non cresce: parte bene e rimane piatto. Per quanto riguarda le interpretazioni: non sono d'accordo con chi affibbia significati evocativi e ultra-complessi ad una sceneggiatura molto scarna e a dei dialoghi praticamente inesistenti; la trama è [...] Vai alla recensione »

sabato 4 gennaio 2014
no_data

Ascensione al Valhalla.

domenica 11 agosto 2013
APropositodiCinema

One-Eye è un guerriero muto e senza un occhio che, dopo essersi liberato con la forza dagli uomini che lo tenevano prigioniero, incontra dei soldati diretti verso la Terra Santa e si inbarca con loro su una nave, ma perdendosi attraverso la nebbia, raggiungeranno una terra sconosciuta. Valhalla Rising ha un forte impatto visivo grazie alla sua fotografia fredda e nebbiosa che fa da sfondo a [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 febbraio 2012
opidum

ieri sera alle 23,20 su Rai 4 hanno trasmesso Valhalla Rising ed io per la prima volta me lo sono guardato. Cioè mi sono guardato i primi 20 minuti ; appena è arrivata la prima interruzione pubblicitaria me ne sono andato a dormire. Perciò non dò il voto ma ormai ho capito che sto Refn non è un regista adatto ai miei gusti e sono contento di non essere andato al cinema a vedere Drive.

mercoledì 8 febbraio 2012
Franz1971

Il film risulta davvero ostico se visto con gli occhi della mentalità giudaico-cristiana che predomina nel mondo da oltre due millenni. E' difficile concepire che sia esistita una diversa forma di spiritualità pagana e politeistica che, per molti secoli, costituì la religione del mondo antico, nel caso di "Valhalla Rising" degli antichi vichinghi.

lunedì 10 ottobre 2011
lamascheradiscimmia

Consigliato: Sì.

lunedì 10 ottobre 2011
lamascheradiscimmia

E' triste leggere "Valhalla Rising- consigliato: nì" .

martedì 30 agosto 2011
j.l.picard

Se qualcuno come me, guardando “Hero” con Jet Li, ha pensato ‘ecco come una regia lenta può essere lo strumento per fare della vera poesia’, guardando “Valhalla Rising” vedrà miseramente crollare tutte le proprie aspettative. L’aggettivo ‘STATICO’ esprime appieno il vano tentativo del regista – che, per inciso, se avesse intrapreso la carriera di fotografo forse avrebbe avuto qualche chance – di creare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 marzo 2011
Pietro Viola

Che dire. Ho visto questo film incuriosito dall'aura di culto che lo circonda in rete. E invece....davvero un pessimo film, vuoto e inconcludente, irritante e supponente, sul cui giudizio negativo pesano anche, quale aggravante, le splendide locations e l'ottima fotografia. Che spreco, ragazzi!!!

martedì 12 ottobre 2010
aksel07

Pessima sceneggiatura, si salvano solo delle stupende immagini. Un gran peccato che questo regista che aveva iniziato con il piede giusto( Il primo capitolo di Pusher è di una straordinaria intensità e drammaticità, trilogia considerata timidamente in Italia solo negli ultimi anni, un gran peccato considerando che   risale al 96'!!!) non sia riuscito ad ridistinguersi [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
venerdì 11 settembre 2009
Marlen Vazzoler

Un nuovo Nicolas Winding Refn Dopo Bronson, presentato al Festival di Berlino e distribuito nelle maggiori città europee, torna Nicolas Winding Refn con Valhalla Rising, una pellicola molto diversa dalle opere diretto finora. Ci può raccontare la genesi di questo progetto? Nicolas Winding Refn: Ho sempre voluto fare un film sui vichinghi, non so perché, visto che non sono veramente interessato ai vichinghi.

Frasi
"Si dice che i cristiani mangino il corpo del loro Dio e bevano il suo sangue. Ciò è abominevole!"
Una frase di La guardia vichinga pagana (Callum Mitchell)
dal film Valhalla Rising - a cura di sambucus
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Jean-Luc Douin
Le Monde

Un bref rappel historique s'impose pour situer le contexte de ce film elliptique, aux dialogues réduits au strict minimum, et dont le personnage principal est muet. Eventration, décapitations hors champs, mais avec craquements d'os bien audibles : les Barbares qui s'y affrontent sont des guerriers fanatiques de l'an 1000, aussi patibulaires les uns que les autres.

Robert Abele
The Los Angeles Times

The Viking saga "Valhalla Rising," from the brutally stylish Danish filmmaker Nicolas Winding Refn, has the bones of an action epic but the soul of something cultier. Mads Mikkelsen, memorable in Refn's gripping crime trilogy of "Pusher" films, plays a mute, disfigured pagan slaughterer named One Eye who opens the film as a captured gladiator with head-crushing talents.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
Ray Donovan
Who Once Was Dead
| movies online free | Verdad o reto